War Front - 8 febbraio 2018

Riprendiamo un articolo su War Front, padre di Faydhan, comparso su Ownner&Breeder nel 2014.

Da allora War Front è:

  • Champion Sire per % Stakes Winner e Gr.1 Horses
  • nel 2017 ha dato ben 34 cavalli da Stakes, tra i quali American Patriot, Avenge, Roly Poly, US Navy Flag e War Flag
  • complessivamente è padre di 18 vincitori di Gr.1, 37 vincitori di Gruppo e 67 Stakes Winners
  • il suo tasso di monta è ormai arrivato a 250.000$

In Prima linea

On the front line, 30 January, 2014 by Emma Berry

Claiborne Farm è sinonimo di eccellenza nel purosangue da più di un secolo e la sua reputazione continua attraverso War Front. Nonostante la spiccata somiglianza fisica, quando War Front (vincitore di Gruppo 2) prese il posto di suo padre, il potente Danzig, nella scuderia degli stalloni a Claiborne nel 2007, sperare che potesse anche avere la stessa straordinaria carriera stalloniera sarebbe stato davvero troppo.

Una delle ragioni per cui papà lo ha riportato in allevamento è che è molto simile a Danzig, dice Walker Hancock, 24 anni, che sarà la quarta generazione della famiglia a capo di Claiborne quando subentrerà nella gestione dell’allevamento dopo suo padre Seth. Allevato e messo in corsa da Joseph Allen, War Front è cresciuto a Claiborne, come molti dei 12 stalloni del roster della stazione di monta. Sebbene abbia ancora qualcosa da fare per emulare Danzig, War Front è partito in modo affascinante, con 5 vincitori di Gr1 – inclusi, in modo significativo, due in Europa – e nel momento in cui scriviamo ha già registrato due vincitori di Gr2 nelle prime 2 settimane del 2014. Ciò giustifica il clamore attuale: il book di War Front – strettamente limitato a 100 fattrici – ora potrebbe facilmente essere riempito tre volte, ma nel 2009 era una storia diversa.

“Alla sua terza stagione spedimmo una lettera che era una specie di accattonaggio per cercare di convincere la gente ad utilizzarlo”, ricorda Bernie Sams, Bloodstock Director di Claiborne. “Penso che quell’anno abbia coperto circa 68 fattrici. Ma da quell’annata ottenne Lines Of Battle, Jack Milton e Departing. Per molti versi era probabilmente il suo miglior book poiché Seth gli aveva destinato un certo numero di fattrici quell’anno e così aveva fatto Joe Allen. “. Se soggetti del calibro di The Factor, Summer Soiree e Data Link, con le loro vittorie avevano già dimostrato che War Front era stallone di grande importanza, il 2013 doveva dimostrarsi un importante anno di svolta sulla scena internazionale. Il giorno della consacrazione fu il 18 giugno, quando i suoi figli, Declaration of War e War Command, gli regalarono una doppio in corse di Gruppo da sogno al Royal Ascot. Entrambi i cavalli sono stati allevati da Allen e hanno corso in partnership col team Coolmore. Declaration Of War è ora il primo figlio di War Front a funzionare in Europa, sotto la bandiera di Coolmore.

Sams dice: “Il numero di e-mails, lettere e telefonate che tutti abbiamo avuto quel giorno fu fenomenale. Questo probabilmente ha reso War Front uno stallone internazionale più che se avesse dato un vincitore del Kentucky Derby”. “Coolmore supportò il cavallo – hanno iniziato a destinargli fattrici al suo quarto anno di monta e da allora sono stati grandi sostenitori e possiedono parecchi figli con Joe Allen. Ci sono un sacco di cavalle europee che vengono in Kentucky per lui quest’anno. Il mio problema è che non sono stato in grado di prenderne quante ne vorrei, perché copre solo 100 fattrici e basta “. Nell’era dei libri colossali, questa politica originale non si limita al War Front, ma è valida per tutto il roster di Claiborne.

“Il massimo per ogni stallone sarebbe 120. Cavalli giovani come Orb, Data Link, Algorithms e Trappe Shot copriranno 120 fattrici ma l’idea con quel numero è di poter essere in grado di competere con altri stalloni che avranno book molto più numerosi”, spiega Sams “però, come si fanno strada e diventano stalloni provati rallentiamo e li teniamo a circa 100 fattrici. Facciamo due monte al giorno con War Front, per cui questo è il numero di fattrici che riesce a coprire. “Ci sono 40 carature e Mr. Allen detiene ancora significative quote, insieme a Claiborne. Ci sono alcuni altri detentori di carature, ma è un sindacato piuttosto piccolo. La maggior parte delle persone là dentro è gente che alleva per correre comunque, quindi penso che mentre percorriamo questa strada probabilmente ci sarà meno offerta di yearling rispetto agli ultimi anni. Prima era uno stallone da $15.000 e c’erano molti più allevatori commerciali che lo utilizzavano allora ”

In effetti, War Front è rimasto a $10.000 al suo quarto anno da stallone, ma è stato anche l’anno in cui i suoi primi corridori hanno calpestato le piste. Da allora il suo tasso, come la sua reputazione, è cresciuto ogni anno. L’annus mirabilis, il 2013, ha visto anche Declaration Of War, dopo le Queen Anne, continuare a vincere nel Juddmonte International, e War Command aggiungere Dewhurst e Futurity alla vittoria nelle Coventry; intanto le vittorie nei Derby (in Virginia, Illinois e EAU) sono state fornite da Departing, War Dancer e Lines Of Battle. Nei ring delle aste, un War Front ha superato a Keeneland Sept i $2,5 milioni e 43 dei suoi yearlings sono stati venduti a una media di $378,186 – altra ragione per cui ora si paga una tasso di monta di $150,000 che lo rende stallone più costoso negli Stati Uniti insieme a Tapit, figlio del compianto stallone di Claiborn Pulpit.

Naturalmente War Front è solo l’ultimo di una lunga serie di cavalli ad aver dato lustro alla scuderia degli stalloni nell’allevamento di 3.000 acri a Paris, in Kentucky, e la sua ascesa alla ribalta è solo un graffio sulla superficie della ricca storia di Claiborne. Fondata nel 1910 da Arthur Boyd Hancock Sr, la farm ebbe il suo primo stallone, Wrack, nel 1916. Fu seguito dall’importato vincitore della Poule d’Essai des Poulains, Sir Gallahad III, padre del vincitore della Triple Crown e poi stallone a Claiborne Gallant Fox e il primo dei dieci Champion Sires a funzionare qua. Nel 1949, a Hancock succedette suo figlio, AB ‘Bull’ Hancock Jr, sotto la cui direzione fu acquisito Nasrullah. Nacquero in allevamento (lo stesso giorno) i futuri Champion Sires Bold Ruler e Round Table e il vincitore della Triplice Corona inglese Nijinsky ritornò in Nord America per essere sindacato da Claiborne. All’età di 23 anni, Seth Hancock, il più giovane dei due figli di Bull, ha preso le redini alla morte del padre a soli 47 anni lasciando subito il segno incoraggiando i clienti nel farsi coinvolgere in un sindacato per l’allora giovane Secretariat.

Walker Hancock deve riempire delle scarpe grandi. Nel cimitero dietro l’ufficio della fattoria – uno dei tre cimiteri per cavalli sulla proprietà – ci sono le tombe di 21 cavalli. Venti di loro erano stalloni Claiborne, tra cui Nasrullah, suo figlio Bold Ruler e il nipote Secretariat, quella del padre di sua madre – Princequillo – è anch’essa nelle vicinanze. Le opere di quel quartetto sono sufficienti per riempire diversi libri di storia, ma accanto a Secretariat in questo venerato angolo di paradiso per i cavalli si trova Mr Prospector e accanto a lui, Nijinsky. L’unico non-stallone tra di loro è Swale, homebred di Seth Hancock, vincitore del Kentucky Derby e di Belmont Stakes poi crollato e morto solo otto giorni dopo la sua vittoria nel 1984 a Belmont Park.

Ma l’eredità di Claiborne è lontana dall’essere solo una questione di stalloni. Nel Cimitero di Marchmont è sepolto Personal Ensign, una delle più talentuose cavalle di tutti i tempi con 13 vittorie da imbattuta. La sua superiorità genetica era tale da produrre 3 vincitori di Gr1 ed essere aclamata Fattrice dell’anno nel 1996. Era uno dei gioielli del gruppo di fattrici della famiglia Phipps che risiede a Claiborne nel segno di una lunga associazione tra le due famiglie ippiche. Le partnership consolidate di Hancock con importanti allevatori che rimangono come clienti non hanno solo visto la gloria di Claiborne riflessa negli ippodromi, ma hanno anche aiutato la sua missione di assicurare una pletora di stalloni dalle grandi credenziali. L’influenza della famiglia Phipps è di nuovo evidente in una delle nuove reclute di Claiborne per questa stagione, Orb, vincitore del Kentucky Derby. Allevato da ‘Dinny’ Phipps con suo cugino Stuart Janney III, il figlio di Malibu Moon è un altro a essere nato e cresciuto a Claiborne per poi tornare trionfante. “È sempre bello avere un vincitore del Derby in allevamento, specialmente uno cresciuto qui e che è ritornato indietro attraverso le famiglie Janney e Phipps e il loro rapporto di lunga data con Claiborne”, dice Sams. “E ‘stato fantastico anche avere il cavallo che vince il Derby per quelle connection. Per questo posto rappresenta praticamente quello che facciamo.

“Se guardi al roster degli stalloni qui ora, Arch è stato acquistato come yearling, Blame è cresciuto qui, Flatter è cresciuto qui, insieme a Orb, Stroll, Horse Greeley, Parading, War Front. In realtà gli unici cavalli esterni sono First Samurai – ma apparteneva a Bruce Lunsford, che ha fattrici qui – e Trappe Shot che era di Mr Brady, un cliente di vecchia data di Claiborne”.

E non sono solo le linee equine che hanno longevità a Claiborne. L’attuale direttore generale Bradley Purcell è nato e cresciuto in allevamento, suo padre Billy è stato  caporazza delle fattrici per decenni, e ci sono storie simili per molti dei suoi collaboratori. Sams aggiunge: “Per i ragazzi della farm allevare cavalli, vederli partire, correre e tornare come stalloni, è fantastico.”

I sacri terreni di Marchmont contengono anche una cavalla che difficilmente avrebbe potuto essere migliore se si considera il suo impatto in razza: Special. Nipote di Rough Shod, acquistata in GB da Bull Hancock nel 1951, Special, come madre di Nureyev e nonna di Sadler’s Wells, ha avuto un ruolo significativo nel portare  l’influenza di Claiborne su scala globale, e questa potrebbe espandersi ancora attraverso il suo pronipote Blame. Famoso come l’unico capace di sconfiggere Zenyatta, le 6 vittorie in Stakes di Blame includono le Fayette Stakes 2009, in cui fu seguito sul palo dal suo compagno a Claiborne, Parading, nipote di Personal Ensign che segue il padre Pulpit nel roster di Claiborne. Come Blame, ha i suoi primi partenti quest’anno. Questa continuità è ripresa dal secondo nuovo stallone per il 2014, il vincitore di Gruppo 1 Data Link da War Front, allevato e di proprietà di Stuart Jenney.

Il motto di Claiborne è “Fare il solito, insolitamente bene”. È uno slogan che può essere letto sia come modesto che come vanaglorioso, e la sua natura paradossale racchiude l’essenza stessa della farm. Nessun cancello o cartello imponente adornano l’ingresso; il piccolo ufficio è familiare piuttosto che appariscente. Si sospetta l’operazione di alta qualità condotta all’interno delle sue mura solo per le carezze di cuoio appese lì, con le loro targhette di ottone che possono rendere deboli le ginocchia per gli amanti delle corse: Buckpasser, Herbager, Easy Goer, Damasco, Danzig, Mr Prospector. La usanze moderne – stalloni shuttle, grandi book di fattrici, capannoni di monta all’avanguardia – sono evitate per via della tradizione. La vecchia sala monta ha servito molto bene l’azienda, con sei degli 11 vincitori di Triple Crown concepiti al suo interno e dieci vincitori del Kentucky Derby allevati a Claiborne. Stalloni senza coperte, i manti naturalmente lunghi in pieno inverno, sono consentiti per farli essere “solo cavalli” per il maggior tempo possibile nella stazione di monta che sta per affrontare il suo periodo più intenso. Le fattrici, anche le più preziose, per lo più partoriscono in paddock. Quando è stato intervistato dal Blood Horse per il centenario Horse nel 2010, Seth Hancock, che ha fermamente seguito la strada di un approccio tradizionale all’allevamento di purosangue, ha ammesso: “C’è una pressione. Mentirei se dicessi che non c’è. Questo posto è un problema in corso da molto, molto tempo. Abbiamo dieci stalloni qui ora; il più vecchio ha solo 16 anni, quindi il nostro roster è giovane, anche se ovviamente non è così forte come lo è stato quando ne presi il controllo. Pulpit è eccezionale, e siamo entusiasti di First Samurai e War Front e Flatter. Speriamo che Blame torni qui e che il campo di gioco si livelli in modo da poter competere ancora per alcuni di questi cavalli di gran successo. Non ho rimpianti. Abbiamo fatto tutto il possibile per cercare di posizionarci per il futuro, e penso che siamo ben messi. Detto questo, abbiamo ancora bisogno che alcune cose accadano. “. Pulpit è morto nel 2012, ma ha rifornito il roster Claiborne con due figli e un nipote. Blame è tornato e War Front ha avuto un grande successo. Nel frattempo, Claiborne ha continuato a fare il lavoro come al solito. Vale a dire, insolitamente bene.

 

https://ownerbreeder.co.uk/features/on-the-front-line/ 30 January, 2014 by Emma Berry