Cavalle in calore a Febbraio - 8 dicembre 2014

Qualora siate proprietari di una cavalla vuota e vogliate farla coprire la prossima stagione, ecco qualche consiglio per averla in calore già a Febbraio.

Dal punto di vista dell’alimentazione sono certo che il vostro cavallo riceva già il meglio: perchè quindi non integrare la razione con dell’avena germinata? Il suo contenuto vitaminico è infatti qualitativamente superiore (e molto più economico) di qualsiasi integratore. Fare l’avena germinata in casa è facilissimo… (è sufficiente mantenerla umida, al buio, a temperatura sopra 15°C e portare pazienza per una settimana, avendo cura di programmarne la produzione).

Proteggete la cavalla dalle intemperie con una coperta, almeno quando è al prato durante il giorno: gli studi dicono che stare al caldo aiuta ad anticipare il primo calore.

Molti avranno già sentito di allevatori che tengono le luci accese nel box durante la notte: una volta tanto è una cosa che funziona davvero! Già dai primi di Dicembre lasciate la cavalla chiusa in box dal tramonto fino alle 23 con una luce da almeno 150W accesa (è quella sufficiente per leggere un quotidiano nel punto più buio del box): tutti i giorni finchè la cavalla non sarà andata in calore.

Chiamate il vostro veterinario di fiducia: in questo periodo non lo troverete incasinato dal lavoro e approfittatene per fare un check up ginecologico: per una cavalla vergine è sufficiente una normale visita ginecologica per appurare che tutto sia in ordine e con calma la cavalla imparerà anche ad essere visitata; se invece si tratta di una fattrice vuota si possono fare esami specialistici che durante la stagione di monta porterebbero via tempo utile: un tampone, una biopsia ed eventualmente terapie mirate.

I più attenti avranno notato che si tratta semplicemente di anticipare la primavera: erba giovane nei prati, temperatura più mite e allungamento delle ore di luce.
I risvolti pratici sono diversi: non sentirsi dire che la cavalla cicla irregolarmente o peggio non cicla affatto (con aggravio di costi di pensione se l’avete mandata alla stazione di monta); non aver preoccupazione di tardare anche se dovesse rimanere vuota ai primi calori; e, forse siete di quelli che ci tengono ad avere un puledro nato a Gennaio (teoria forse opinabile, ma avremo modo di affrontare questo argomento in un altro intervento).

Siamo sempre a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento, Dott. Crespi, Dott. Pampana e Dott. Maserati.

Condividi i tuoi pensieri con gli altri utenti di www.sab.it mandando una mail, con tel e indirizzo…e noi pubblicheremo!

Blog: Cavalle in calore a Febbraio

Blog: Cavalle in calore a Febbraio